Ehy, guarda che belle icone che ho! Photo by mentatdgt from Pexels

Personalizza il cellulare è come cambiare i vestiti

Scegliere le icone, cambiare lo sfondo e altre amenità possono costare caro.

December 4, 2019

Il cellulare è una propaggine del nostro corpo, come un braccio, una gamba, fa parte di noi. È la faccia con cui ognuno di noi si presenta al mondo esterno, o meglio è il mondo virtuale e reale in cui ciascuno di noi costruisce la propria immagine, non quella vera, ma quella desiderata.
Per questo è uno strumento che viene vissuto e personalizzato: gli mettiamo la cover, lo schermo protettivo e andiamo sui siti cercando lo sfondo per cellulari più bello e adeguato al nostro stato d’animo.

Se devi cambiare lo sfondo del tuo telefonino puoi trovare un milione di siti che ti propongono un miliardo di immagini, senza contare che puoi usare anche le tue foto. Se cerchi nuove suonerie puoi trovare altrettanti siti, se vuoi cambiare le icone pure, le personalizzazioni sono illimitate, ma potresti accorgerti che rischi di perdere un sacco di tempo e dopo tutto quello spippolare sullo schermo del tuo dispositivo, magari ti fa anche male la mano.

Quindi non esagerare e personalizza il cellulare al massimo una volta al mese, scegliendo solo le migliori immagini, anche perché cambiare sfondo troppe volte è come cambiarsi i vestiti più volte al giorno: solo raramente serve.

Quindi, cambiare sfondi al cellulare è un’attività utile, perché vi identifica e contribuisce a fare di voi quello che volete essere, ma se ne abusate rischiate grosso.

Matematica e calcolo del tempo perso

Se dovessimo poi fare un conteggio di quanto tempo nella nostra vita buttiamo personalizzando il cellulare ci accorgeremmo dell’inequivocabile spreco di energia e di intelligenza.

Ehy, guarda che belle icone che ho! Photo by mentatdgt from Pexels
Ehy, guarda che belle icone che ho! Photo by mentatdgt from Pexels

Supponiamo infatti che un giorno in 5 min cambiate la foto della Home e un’altra volta in 5 min l’immagine del blocco schermo, ma poi arriva quel pomeriggio in cui cercate in tutte le foto proprio una certa foto che ora sarebbe perfetta per lo sfondo, diciamo che perdiate mezz’ora buona, etc. etc.. Quindi supponiamo una media di 10 min/giorno. In una settimana fanno: 10 * 7 = 70 min. In un mese siamo a 10 * 30 = 300 min, cioè 3 ore e 20.

Andando avanti con le moltiplicazioni scoprirete che in un anno bruciate 60 ore! Rischiate dunque di rimanere al telefonino a cambiare lo schermo per 2 giorni e mezzo. Un corso di 60 ore di coding / photoshop / arabo / cinese / cucina / ballo / tai chi / yoga o qualsiasi altra attività vi avrebbe reso una persona migliore.

Author

I'm a software engineer, an everyday web developer and a maker. I usually build sites with PHP, within or without WordPress. I build Internet of Things with Arduino and ESP8266. I'm the founder of Rockit.it and Dailybest.it and I'm actually the Chief Technical Officer of Better Days web agency.

Recommended

LEGO cinema: come riciclare un vecchio smartphone

Come recuperare brillantemente un vecchio Lumia 435 con Windows Phone. Eh sì! Si può fare con qualunque cellulare.

January 14, 2020

12 punti per scegliere il rivestimento conforme per il tuo PCB

Cos'è e come scegliere il rivestimento conforme (o conformal coating) quando si stampano i PCB

September 11, 2020

Stampare PCB per i progetti con Arduino non è difficile (parte II)

Tra i miglioramenti possibili, uno dei più affascinanti e complessi è passare dalla breadboard al circuito stampato, cioè passare dall'ammasso di fili e componenti saldati o precariamente connessi al supporto solido, professionale e compatto della scheda elettronica.

June 9, 2020

Dalla breadboard al circuito stampato (parte I)

Stufo di saldare? Proviamo a fare i PCB

May 8, 2020

Come costruire un saturimetro

Come costruire un saturimetro rudimentale con Arduino, modificando un sensore KY-039 per il battito cardiaco.

April 25, 2020

Trasformazione di uno zaino vintage di Millet Walter Bonatti

Retrofitting di un vecchio zaino, hacking di un oggetto vintage, l'ho migliorato? O l'ho peggiorato?

February 9, 2020